Pagine

martedì 6 giugno 2017

Gran Bretagna - 140 Imam rifiutano di eseguire la preghiera funebre per gli attentatori di Londra

La Repubblica
L'annuncio è stato dato dal Muslim Council of Britain che invita tutte le cariche religiose del Paese a unirsi al rifiuto


"Alla luce dei principi etici essenziali all'Islam, per gli attentatori non ci sarà la tradizionale preghiera funebre". Con queste parole un gruppo di oltre 140 imam e leader religiosi provenienti da tutto il Regno hanno rifiutato pubblicamente di seppellire i tre attentatori artefici dell'attentato al London Bridge e al Borough Maket.


La notizia è stata data dal Muslim Council of Britain che, sul proprio account Facebook, ha spiegato che la Salat al-Janazah, la preghiera islamica, è un rito che normalmente viene eseguito per ogni musulmano a prescindere dalle azioni compiute.

Con questa mossa, che il Muslim Council ha definito "senza precedenti", i religiosi non solo negano il rito, ma invitano anche le altre cariche religiose a fare altrettanto: "Chiediamo a tutte le autorità religiose del Paese di unirsi a questo rifiuto. Vi chiediamo di ritirare loro questo privilegio, perché queste azioni sono indifendibili e completamente in contrasto con gli insegnamenti elevati dell'Islam".

Il “Muslim Council of Britain” già all’indomani dell’attentato al London Bridge aveva preso posizione sul difficile momento che sta attraversando il Regno Unito. "Siamo profondamente feriti dalla serie di attacchi terroristici perpetrati da assassini che cercano di ottenere legittimità religiosa per le loro azioni. Cerchiamo di capire che ciò che fanno non ha né legittimità né la nostra simpatia. “Siamo scioccati, arrabbiati e terrificati che qualcuno possa aver compiuto tali atti. E per di più in nome della fede. È ingiustificabile, si legge nel comunicato stampa.

In questi anni religiosi e clerici musulmani della Gran Bretagna hanno sempre condannato gli attacchi terroristici. Più volte hanno sollecitato i membri della comunità a non partire per i paesi in guerra. Tra i precedenti c'è anche un video del 2014 con cui alcuni imam, sciiti e sunniti, esprimevano apertamente la loro condanna all'Isis. Azioni che ad alcuni di loro è costato l'inserimento nella lista dei musulmani "apostati" pubblicata dallo Stato Islamico nell'aprile 2016.

Nessun commento:

Posta un commento