Pagine

sabato 13 maggio 2017

Dal Marocco 333 bambini soldato e 284 donne tra le fila dell'Isis

Il Gazzettino
Ragazzini e jihadisti. Un quinto del contingente marocchino finito tra le fila dei jihadisti è rappresentato da minori. Su 1.631 arruolati per la causa dello Stato islamico, 333 sarebbero poco più che bambini. Le donne non sono da meno: in 284 hanno risposto all'appello. 


È il ministro dell'Interno Abdelouafi Laftit che svela i dati in un rapporto presentato in Parlamento a margine della richiesta di finanziamento sul progetto di legge antiterrorismo. La commissione era chiusa al pubblico, ma il rapporto è stato pubblicato dal quotidiano arabofono Hespress.

Secondo i dati del ministero tra i marocchini accolti dall'Isis, 558 sarebbero già morti in combattimento e 864 avrebbero raggiunto i luoghi di addestramento o di combattimento fuori dal paese. Nel 2016, in Marocco, sono state smantellate 16 cellule di presunti terroristi; un numero che corregge al ribasso le cifre del 2015, quando 23 gruppi di jihadisti erano stati consegnati alla giustizia.

Nessun commento:

Posta un commento