Pagine

mercoledì 1 marzo 2017

Germania: allarme xenofobia - 3.500 attacchi ai rifugiati nel 2106 - 560 feriti di cui 43 bambini

Life Gate
In Germania i rifugiati e le strutture che li accolgono hanno subito quasi dieci attacchi al giorno nel 2016. Il bilancio è di 560 feriti.

Attentato incendiario a centro di accoglienza per rifugiati
In Germania si tra producendo un fenomeno che ha dell’incredibile, per caratteristiche e soprattutto per dimensioni. I rifugiati accolti sul territorio della nazione europea, assieme alle strutture che li ospitano, sono infatti oggetto di una quantità gigantesca di attacchi da parte di persone senza scrupoli che se la prendono con donne e uomini ai quali la vita ha già imposto enormi sofferenze e sacrifici.
Colpiti anche 43 bambini rifugiati
Secondo i dati del ministero dell’Interno di Berlino, riferiti dall’agenzia Afp, solamente nel corso del 2016 il numero di agguati nei confronti dei rifugiati e dei richiedenti asilo è stato superiore a 3.500. Il che significa una media di quasi dieci attacchi al giorno, che hanno provocato un totale di 560 feriti, tra i quali figurano anche 43 bambini.
Il ministero tedesco ha fornito le cifre in risposta all’interrogazione di un parlamentare che ha chiesto informazioni precise sul triste fenomeno. Secondo le statistiche raccolte presso la polizia, in particolare sono stati registrati 2.545 attacchi diretti a bambini, donne e uomini rifugiati, mentre in 988 casi sono state prese di mira le infrastrutture. Per queste ultime, nella maggior parte dei casi si è trattato di tentativi di incendio. L’esecutivo di Berlino ha manifestato la propria condanna contro ogni forma di violenza, sottolineando che “le persone che fuggono dai loro paesi e chiedono protezione in Germania devono poter ambire ad un rifugio sicuro”.

Le cifre potrebbero essere perfino più alte
Il governo della Germania non ha tuttavia riferito i dati relativi agli agguati contro i rifugiati registrati nel 2015, per cui non è stato possibile comprendere se le cifre siano aumentate o meno rispetto all’anno precedente. Si sa però che gli attacchi contro le infrastrutture sono sostanzialmente invariati. Ciò che è chiaro, inoltre, è che il numero già altissimo di atti violenti potrebbe essere in realtà nascondere cifre ancor più pesanti, se si considera che le statistiche ufficiali tengono conto, ovviamente, solo dei casi oggetto di intervento da parte delle forze dell’ordine.

Nessun commento:

Posta un commento