Pagine

domenica 5 marzo 2017

Filippine, detenuti nudi durante blitz antidroga in carcere: ''Trattamento inumano''

La Repubblica
Nuove polemiche hanno investito le Filippine del presidente Rodrigo Duterte dopo la diffusione di alcune immagini che ritraggono centinaia di uomini nel carcere di Cebu sedere completamente nudi durante un raid anti-droga. 



Foto AFP
I detenuti sono stati svegliati prima dell'alba, ammassati nel cortile interno della struttura, spogliati e fatti sedere su cemento mentre polizia e militari perquisivano le loro celle. 

Durante il raid alcuni agenti li sorvegliavano armati. Le foto sono state rilasciate dall'agenzia antidroga delle Filippine insieme a un comunicato in cui si diceva che l'operazione aveva permesso agli agenti di trovare numerosi pacchetti di metanfetamine e foglie di maijuana, così come armi da taglio e telefoni cellulari. Una volta diffuse sui social network, tuttavia, le immagini hanno suscitato forti polemiche rilanciate soprattutto dalle ong che si battono per il rispetto dei diritti civili. "Questo episodio mostra il trattamento crudele, inumano e degradante a cui vengono sottoposti i prigionieri", ha affermato in un comunicato Amnesty International. 

Anche Human Rights Watch si è unita al coro di critiche sottolineando che gli standar internazionali proibiscono perquisizioni che intimidiscano i detenuti o che invadono la loro privacy senza motivo. L'operazione del carcere di Cebu si inserisce in una più vasta e controversa guerra lanciata da Duterte contro lo spaccio di droga nel Paese. Il presidente - i cui livelli di popolarità rimangono piuttosto alti - ha affermato che i diritti umani devono passare in secondo piano per sconfiggere la minaccia rappresentata dalle droghe illegali

Foto gallery >>>

Nessun commento:

Posta un commento