Pagine

lunedì 6 febbraio 2017

Guerre dimenticate - Afghanistan, l’Onu: il 2016 è stato l’anno più sanguinoso - Oltre 11 mila morti e feriti fra i civili, un terzo sono bambini

La Stampa 
Il 2016 è stato in Afghanistan è stato l’anno più sanguinoso dal 2009 e probabilmente il peggiore per le vittime civili da quando è iniziata l’ultima fase della guerra civile, nel 2001. L’ultimo rapporto dell’Onu parla di circa 11.500 civili uccisi o feriti nel 2016 e un terzo di queste vittime di violenze è costituito da bambini.

I dati sono stati diffusi oggi dalla Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) e rivelano il peggiore bilancio dal 2009, quando è stato avviato questo conteggio annuale. 


L’aumento delle violenze riguarda soprattutto i bambini: oltre 3.500 minori sono stati uccisi o feriti lo scorso anno, in gran parte a margine dei combattimenti tra forze governative e gruppi ribelli, Taleban in testa, ma anche a causa di mine e munizioni rimaste inesplose e deflagrate poi in loro presenza. Si tratta di un aumento del 24 per cento.

Nessun commento:

Posta un commento