Pagine

giovedì 3 novembre 2016

Pakistan - Pena di morte. La Corte Suprema blocca l'esecuzione di Imdad Ali affetto da schizofrenia

Blog Diritti Umani - Human Rights
La Corte Suprema del Pakistan ha bloccato l'esecuzione di un uomo grave malato psichico che avrebbe dovuto essere impiccato questa settimana per l'omicidio di un religioso 15 anni fa.


Imdad Ali, 50 anni, ha la schizofrenia. Ha trascorso 14 anni nel braccio della morte.
La Corte Suprema ha recentemente stabilito che la schizofrenia "non era un disturbo mentale permanente", affermando che poteva essere eseguito.

Il 31 ottobre la stessa corte blocca l'esecuzione che era prevista per il 2 novembre.
La moglie di Ali, Safia Bano, ha detto che la decisione dei giudici ha dato alla sua famiglia "un raggio di speranza".
Le Nazioni Unite ha affermato che l'esecuzione di Imdad Ali sarebbe una violazione del diritto internazionale dato che è stato dichiarato malato psichico dopo aver ucciso un religioso nel 2001.

I suoi avvocati dicono che non capisce il crimine fatto e la punizione che dovrebbe subire, i suoi medici dicono che è delirante, sente delle voci nella sua testa, e soffre di un complesso di persecuzione.

L'American Psychological Association definisce la schizofrenia come "una grave malattia mentale caratterizzata da pensieri incoerenti o illogici, comportamento bizzarro e nella parola, e deliri o allucinazioni, come sentire voci".

Nessun commento:

Posta un commento