Pagine

mercoledì 29 luglio 2015

Francia, oltre 2000 migranti invadono l'Eurotunnel e si aggrappano al treno per Calais, 15 feriti, 200 arresti.

La Repubblica
Parigi - Nella notte tra ieri e oggi, oltre duemila migranti hanno invaso la zona d'ingresso nel tunnel sotto la Manica, sulla sponda francese, per tentare di raggiungere la Gran Bretagna. Lo rivela il sito del quotidiano Le Figaro.

Migranti fatti scendere da 
un camion a Calais (ansa)
"E' stato il più grande tentativo di incursione nella struttura", ha detto un portavoce del gruppo che gestisce l'infrastruttura.

Nella serata di ieri la tensione ha iniziato a salire intorno alle 22, quando oltre 2.000 migranti hanno iniziato a radunarsi all'entrata del tunnel. "Di solito sono 500, o magari 800, ma un'intrusione così è una cosa mai vista - racconta un poliziotto - E con 90 colleghi per mettere in sicurezza tutto l'interno e l'esterno del tunnel, che ha 23 chilometri di perimetro, ovvero due terzi della città di Parigi, è stato ovviamente difficile, per non dire un gran caos".

I disordini sono durati fino alle 6 del mattino, e hanno fatto una quindicina di feriti tra i migranti, in gran parte persone cadute tentando di saltare sulla 'navetta', il lungo treno merci e passeggeri che collega Calais a Dover, all'estremità britannica del tunnel. Nella zona in cui si sono radunati i migranti, spiegano ancora gli agenti, i convogli vanno a una velocità tra i 30 e i 50 chilometri all'ora, e di notte la gran parte delle carrozze sono carrozze merci scoperte, su cui è più facile saltare o trovare un appiglio, cosa che le rende uan delle 'prede' preferite di chi cerca di passare dall'altro lato della Manica.

Il bilancio della notte di disordini è di 200 migranti intercettati, 1.900 "respinti", ovvero rinviati verso il vicino accampamento detto 'Nuova giungla', e una quindicina fermati per essere interrogati. Ma avrebbe potuto essere ben più grave, sottolineano le forze dell'ordine, ricordando che nei mesi scorsi sono almeno 8 i migranti morti tentando di salire clandestinamente su un treno.

Il ministro dell'interno britannico Theresa may ha annunciato oggi lo stanziamento di altri 7 milioni di sterline (10 milioni di euro) per rafforzare la sicurezza nei terminal di imbarco dell'Eurotunnel a Coquelles, nel nord della Francia, al termine del suo incontro con l'omologo francese Bernard Cazeneuve.

"Con la Francia lavoriamo a stretto contatto su una situazione che interessa entrambi
i paesi. La Francia ha già rafforzato il proprio dispositivo di polizia. Il governo del Regno Unito stanzierà altri 7 milioni di sterline per la sicurezza a Coquelles", ha detto May. I 7 milioni si aggiungono agli oltre 15 stanziati in precedenza.

Nessun commento:

Posta un commento