Pagine

martedì 3 marzo 2015

La sinagoga cade a pezzi, la salvano i musulmani In Belgio bell'esempio di integrazione religiosa

La Stampa
Ad Arlon la comunità islamica si mobilita per il restauro del luogo di culto: «La fraternità di tutta la nostra comunità è la cosa più importante»

Un piccolo gesto, un grande segno. La sinagoga di Arlon - l’ultima città del Belgio quando si corre in autostrada direzione SudEst, centro un tempo agricolo, martoriato dai nazisti e oggi in ripresa anche grazie al mega stabilimento della Ferrero – sta andando a pezzi. E’ un edificio minuto, il più vecchio luogo di culto ebraico del Paese, costruito nel 1865, mal conservato. La stampa locale ha denunciato le condizioni precarie della costruzione, l’impossibilità di accedervi senza rischi, e la comunità ha cominciato a muoversi per cercare di invertire. Tutta la comunità.
«Colpiti dai recenti articoli abbiamo deciso di mobilitarci», ha annunciato Mohamed Bouezmarni, Segretario Generale dell’Ama, l’Associazione dei musulmani di Arlon, che ha lanciato una sottoscrizione pubblica per contribuire al restauro durante la preghiera del venerdì. «In quanto responsabile di un luogo di culto – ha spiegato –, comprendo bene le difficoltà della nostra comunità ebraica. Non hanno alcun posto adatto per pregare. Siamo pronti a dare una mano a questo restauro di interesse generale nel nome dei valori di generosità e sostegno reciproco».
La sinagoga ha salvato i suoi rotoli sacri della Torah durante l’occupazione tedesca, riuscendo a nasconderli ai nazisti che avevano trasformato l’edifico in un deposito di fieno, circostanza che le ha risparmiato la distruzione. L’edificio, di ispirazioni romanico-bizantine, custodisce il più antico cimitero ebraico del Belgio ed è considerato patrimonio della Vallonia.

E’ una comunità ristretta, quella di Arlon, non più di una cinquantina di persone. La sinagoga è in fase di restauro da tempo, ma mancano i fondi e ora non è più sicura. Così, nel momento grave del conflitto fra civiltà e religioni, i musulmani hanno deciso di dare una mano.

«Al di là di discorsi sul vivere insieme – rivela Hajib el-Hajjaji, che sostiene il progetto e contribuisce alla sua diffusione a livello nazionale -, vogliamo andare oltre e veramente costruire insieme qualcosa. I luoghi di culto – spiega – sono luoghi di contemplazione, serenità e di pace: è importante salvare insieme questa sinagoga per le famiglie e i bambini che trovano qui il comfort e la fraternità».

L’invito è aperto a cittadini belgi e no, indipendentemente dalle loro convinzioni religiose. L’Ama chiede donazioni a tutti. Una mano offerta per rispondere a chi vuole le guerre di religione. Un modo per dire «Noi non ci stiamo». O almeno così pare essere.

Nessun commento:

Posta un commento