Pagine

sabato 21 febbraio 2015

Scontro diplomatico tra Brasile e Indonesia sulle esecuzioni nel Paese asiatico. Si attende la soluzione dal caso Gularte

AGI
Brasilia -  Scontro diplomatico tra Brasile e Indonesia sulle esecuzioni nel Paese asiatico. La presidente Dilma Rousseff si e' rifiutata di accettare le credenziali del nuovo ambasciatore di Giacarta per protesta contro la fucilazione a gennaio di un cittadino brasiliano accusato di traffico di droga e contro quella annunciata del 42enne Rodrigo Gularte, nel braccio della morte dal 2004 per aver nascosto sei chili di cocaina in tavole da surf. 

Il caso di Gularte e' particolarmente controverso, anche perche' la famiglia sostiene che soffre di schizofrenia paranoide e quindi va curato. "Riteniamo sia importante che vi sia un'evoluzione della situazione in modo da chiarire lo stati delle relazioni dell'Indonesia con il Brasile", ha spiegato la Rousseff nel motivare l'insolito sgarbo diplomatico su quella che di norma e' una pura formalita'. 

La presidente brasiliana ha fatto sapere che le credenziali del nuovo ambasciatore verranno "tenute in sospeso per un po'". Per i media brasiliani, si aspettera' che Giacarta accetti il trasferimento di Gularte in una clinica psichiatrica, accogliendo la richiesta avanzata dall'ambasciata.

Nessun commento:

Posta un commento