Pagine

mercoledì 11 febbraio 2015

Rapporto HRW - Sudan - Darfur, gli stupri di massa commessi da militari dell'esercito regolare a 220 donne e persino ragazzine di 11 anni

La Repubblica
Gli attacchi organizzati nel nord Darfur, nella città di Tabit. A denunciarlo è un rapporto di Human Rights Watch (Hrw) diffuso oggi. "Le Nazioni Unite e dell'Unione africana (UA) - dice il dossier - dovrebbero adottare misure per proteggere i civili da ulteriori abusi. Il rapporto di 48 pagine documenta attacchi delle forze armate alle donne sudanesi che sarebbero state violentate nell'arco di 36 ore
New York - Le forze armate sudanesi avrebbero violentato circa 220 donne e ragazze in un attacco organizzato nel nord Darfur, nella città di Tabit. Il fatto sarebbe accaduto nell'ottobre scorso e a denunciarlo è un rapporto di Human Rights Watch(Hrw) diffuso oggi. 

Le Nazioni Unite e dell'Unione africana (UA) dovrebbero adottare misure urgenti per proteggere i civili in città da ulteriori abusi. Il rapporto di 48 pagine, che porta il titolo "Stupri di massa in Darfur: sudanesi attacchi dell'esercito contro i civili in Tabit," documenta attacchi delle forze armate sudanesi nel corso dei quali almeno 221 donne e ragazze sarebbero state violentate nell'arco di 36 ore. Le violenze di massa sono equiparate ai crimini contro l'umanità, se viene provata la pratica estesa e sistematica di questo genere di attacchi contro la popolazione civile, ha sottolineato Human Rights Watch. "L'attacco deliberato a Tabit e gli stupri di donne e ragazze non sono altro che un nuovo capitolo delle atrocità commesse nel Darfur", ha detto Daniel Bekele, direttore per l'Africa di Hrw. "Il governo sudanese - ha aggiunto - dovrebbe smetterla di rifiutare l'accesso a Tabit di peacekeeper e di investigatori internazionali".

Le accuse partite da una radio. Le accuse di stupro di massa sono state diffuse per prima da Radio Dabanga, una stazione con sede in Olanda. Il governo sudanese, dal canto suo, ha smentito la notizia ed ha rifiutato ai peacekeeper l'accesso alla città. Successivamente è stato concesso il permesso alle forze di pase, ma le forze di sicurezza hanno impedito loro di svolgere un'indagine credibile, ha denunciato Human Rights Watch. Nel mese di novembre e di dicembre scorsi, l'organizzazione umanitaria per la difesa dei diritti umani ha interpellato per telefono una cinquantina di residenti ed ex residenti di Tabit, proprio a causa delle restrizioni nell'accesso. Altri intervistati sono stati i funzionari di governo e il personale della missione mista UA-ONU nel Darfur (UNAMID). Nonostante la mancanza di accesso, Human Rights Watch è stato in grado di incrociare riferimenti e verificare come molte accuse fossero fondate.

Le hanno prese casa per casa. Le forze armate sudanesi hanno effettuato tre operazioni militari distinte durante la quale i soldati andavano di casa in casa a sequestrare donne e ragazze, oltre che a depredare beni, ad arrestare uomini, ad uccidere chi faceva resistenza. Human Rights Watch ha documentato 27 stupri diversi ed ha ottenuto informazioni attendibili su ulteriori 194 casi. Due disertori dell'esercito hanno detto separatamente a Hrw che i loro ufficiali superiori avevano ordinato di catturare "donne da stupro." Tabit è in gran parte abitata dal gruppo etnico dei Fur, sotto il controllo di bande armate di ribelli negli ultimi anni. Ma Human Rights Watch non ha trovato alcuna prova che i combattenti ribelli erano nella zona di Tabit al momento degli attentati. Una donna ha descritto l'attacco su di lei e sulle sue tre figlie, due delle quali sotto gli 11 anni. "Subito dopo sono entrati nella stanza - ha raccontato la donna - stiamo per mostrarvi il vero inferno, poi hanno cominciato a picchiarci. Hanno violentato le mie figlie e poi me. Uno dopo l'altro".

Le minacce per avere il silenzio. Dopo gli attacchi, il governo sudanese ha vietato gli investigatori delle Nazioni Unite di entrare in città per cercare di evitare che si diffondessero informazioni sui crimini. Ma vittime e testimoni hanno riferito che i funzionari del governo hanno minacciato di imprigionare o uccidere chiunque avesse parlato degli attacchi. Le autorità hanno anche arrestato e torturato alcuni residenti di Tabit, che avevano evidentemente manifestato l'intenzione di riferire ciò che era accaduto. Un uomo, che aveva sentito tentato di parlare e denunciare l'accaduto è stato denunciato da un parente e quindi portato in un carcere. "Mi hanno preso a calci.. poi m'hanno legato una corda al collo come per impiccarmi. Poi mi hanno picchiato con le fruste e fili elettrici".

Nessun commento:

Posta un commento