Pagine

lunedì 23 febbraio 2015

Laos: presto liberi i 5 cristiani arrestati, “avevano solo pregato a fianco di una donna morente"

MISNA
I cinque cristiani incarcerati per “esercizio illegale della medicina”, mentre pregavano per la guarigione di una donna morente, potrebbero essere presto liberati, secondo un funzionario responsabile per gli affari religiosi nella provincia di Savannakhet. “E’ illegale che il giudice li abbia condannati al carcere per aver praticato medicina senza licenza” ha detto ai media il funzionario.

I cristiani sono stati arrestati nel giugno scorso dopo aver pregato per la guarigione di una donna di nome Chansee, convertita dal buddismo al cristianesimo. Dopo la sua morte, avvenuta dopo una lunga malattia, un membro della sua famiglia aveva chiesto alla polizia di arrestare i cristiani per aver causato la morte della donna con le loro preghiere.

Gruppi internazionali per i diritti umani hanno criticato gli arresti. Sirkoon Prasertsee, direttore della Human Rights Watcher per la libertà di religione nel Laos (Hrwlrf), aveva detto che la sentenza della Corte rappresenta un messaggio per i cristiani del paese. “Le autorità governative possono arrestarli e criminalizzarli anche quando si radunano per pregare per gli ammalati” ha detto Prasertsee, sottolineando che la Corte non aveva fatto alcuna ricerca sulla causa della morte della signora e agli imputati non era stata concessa la possibilità di avere un avvocato difensore.

Secondo Phil Robertson, direttore di Hrw per l’Asia, i dati del Laos sulla libertà religiosa lasciano molto a desiderare, soprattutto quando si tratta di tipi di molestie e di repressione inflitte dalle autorità su qualsiasi comunità o gruppo che non abbia ricevuto il permesso ufficiale di operare. “Se questo gruppo di cinque è accusato e condannato per aver pregato al fianco di una donna morente, allora questo potrebbe segnare una nuova recrudescenza per la libertà religiosa nel paese. Speriamo che il buon senso prevalga” aveva commentato Robertson al momento della sentenza.

Nel paese a maggioranza buddista i cristiani sono solo 1,5% della popolazione.

Nessun commento:

Posta un commento